Scoperti 15 monumenti prima sconosciuti sotto il paesaggio intorno a Stonehenge

Scoperti monumenti intorno a StonehengeUna nuova e innovativa indagine di Stonehenge e dei suoi dintorni ha rivelato quindici monumenti neolitici sepolti precedentemente sconosciuti, secondo un nuovo rapporto pubblicato dallo Smithsonian Institute. I risultati mostrano che c’è molto di più a Stonehenge di quello che si vede.
E’ noto da tempo che Stonehenge non era solo un monumento isolato in un paesaggio incontaminato, ma faceva parte di un complesso molto più grande. Ciò è dimostrato dalla dispersione di tumuli, fossati, sepolture, e altri monumenti significativi, come Woodhenge, Coneybury, il monumento Cursus, e Amesbury Long Barrow, tutti a breve distanza del famoso cerchio di pietre. Ora un nuovo progetto di ricerca che utilizza sensori magnetici per la scansione di punti di riferimento nel Wiltshire ha trovato ancora più prove di attività umane, che sono rimaste nascoste sottoterra per migliaia di anni.
Scoperti monumenti intorno a StonehengeLo Stonehenge Hidden Landscape Project è una collaborazione di quattro anni con il Boltzmann Ludwig Institute for Archaeological Prospection and Virtual Archaeology in Austria. Il team ha condotto la prima indagine dettagliata del sottosuolo della zona circostante Stonehenge, che copre circa quattro miglia quadrate (dieci chilometri quadrati). Quello che hanno scoperto è stato sorprendente.
Utilizzando le più recenti attrezzature high-tech, il team di esperti ha rilevato prove di antichi scavi e costruzioni, compresi gli altri henge, tumuli, pozzi, e fossati, che si ritiene contengano preziose informazioni circa il sito preistorico.
“Questo è uno dei paesaggi più importanti, e probabilmente il paesaggio più studiato nel mondo,” ha detto l’archeologo Vince Gaffney, dell’Università di Birmingham al Smithsonian Magazine. “E la zona è stata completamente trasformata da questa indagine. Non sarà più la stessa.”
Scoperti monumenti intorno a StonehengeUno dei risultati è stata l’individuazione di una ampia breccia nel monumento Cursus, che è un fosso lungo 3 km e largo 100 metri nelle immediate vicinanze di Stonehenge. Risalente al il 3500 a.C. circa, la barriera Cursus è più o meno allineato sull’asse est-ovest ed è orientato verso il sorgere del sole durante gli equinozi di primavera e autunno. La scoperta di una grande rottura nel monumento, suggerisce una superficie utilizzata da persone per entrare e uscire dal monumento. Mentre gli scienziati sono ancora incerti sulle vere finalità dello Stonehenge Cursus, il professor Gaffney crede che avesse la funzione di un ingresso (gateway) per gli adoratori così come un marcatore per il passaggio del sole.
Scoperti monumenti intorno a StonehengeUn’altra scoperta significativa è stata quella di due pozzi alle estremità del Cursus, situati a circa 1 metro sottoterra e di 4,5 metri di diametro. Il professor Gaffney ha detto allo Smithsonian che il giorno più lungo dell’anno, i pozzi formano un triangolo con Stonehenge, segnando l’alba e il tramonto. Gaffney ipotizza che i pozzi potrebbero essere stati utilizzati per i fuochi rituali o come marcatori di qualche tipo. Dal momento che i pozzi sono stati identificati solo con la tecnologia di scansione, si spera che finalmente saranno scavati, che forniranno ulteriori indizi sul loro uso e scopo.
Precedenti studi dei dintorni di Stonehenge hanno rivelato che l’area è stata abitata per circa 10.000 anni, il che significa che la zona è stata di grande importanza per migliaia di anni prima che Stonehenge e altri monumenti venissero costruiti, o che Stonehenge è molto più antica di quanto attualmente si creda.
Scoperti monumenti intorno a StonehengeGli esseri umani si sono meravigliati della maestà di Stonehenge per migliaia di anni, e gli archeologi, geologi e astronomi l’hanno studiata per decenni, ma lo scopo originale dell’enigmatico cerchio di pietre è rimasto un mistero. E’ noto che l’area è stata utilizzata per le sepolture, che le pietre sono allineate in modo astronomicamente importante, e che la gente percorreva grandi distanze per essere lì, ma nessuno sa con certezza perché.
Come Ed Caesar scrive dallo Smithsonian:
“Quelle grandi pietre, in piedi in anelli concentrici al centro di un bacino sulla piana di Salisbury, accuratamente messi da chissà chi migliaia di anni fa, deve significare qualcosa. Ma nessuno ci può dire che cosa. Non esattamente. Gli indizi che rimangono si rivelano sempre insufficienti per la nostra curiosità. Ogni novità archeologica produce più domande, e più teorie da sottoporre a test. La nostra ignoranza si restringe di frazioni. Quello che sappiamo è sempre sminuito da quello che potremmo mai sapere.”
Tuttavia, poiché questo ultimo progetto di ricerca ha dimostrato, che Stonehenge non ha ancora rinunciato a tutti i suoi segreti, e lo sviluppo della tecnologia nel campo dell’archeologia potrà aiutare un giorno a risolvere finalmente il mistero.

Fonte 1

Fonte 2

Permanent link to this article: http://www.pandorando.it/scoperti-15-monumenti-prima-sconosciuti-paesaggio-intorno-stonehenge/

Lascia un commento

Your email address will not be published.