Brasile: desaparecidos e giustizia

images (2)La storia della neonata Repubblica brasiliana fu caratterizzata, dopo un primo periodo di instabilità, da una fase di relativa prosperità durata sostanzialmente sino all’epoca della grande crisi economica mondiale del 1929, che provocò gravi tensioni sociali e un forte malcontento, soprattutto tra la classe operaia e i ceti medi, nei confronti dell’oligarchia dominante. Fu così che nel 1930 l’esercito portò al potere Getulio Vargas, al governo del paese sino al 1945 e poi ancora dal 1951 al 1954, dando vita a un regime di stampo fascista e populista ispirato ai principi del corporativismo.
Dopo un decennio in cui governarono i socialdemocratici e poi i conservatori, nel 1964 un colpo di Statodell’esercito instaurò nel paese una vera e propria dittatura militare che, attenuatasi gradualmente intorno alla metà degli anni Settanta quanto meno nei suoi aspetti più brutali, consentì infine il ritorno dei civili al governo nel 1985.
Nel 2011, lo scrittore brasiliano Bernardo Kucinski ha pubblicato il suo romanzo “K.” In esso, scrive riguardo al trauma di molti brasiliani che hanno sofferto durante questo periodo di dittatura militare protrattosi dal 1964 al 1985, l’inspiegabile perdita di uno o addirittura più parenti. Circa 160.000 brasiliani “scomparsi” durante la dittatura. 486 persone assassinate. Circa 100.000 sono state incarcerate per motivi politici, e almeno 50.000 sono state torturate.
Mezzo secolo dopo il golpe, il Brasile sta venendo a patti con il suo periodo di governo militare. Nel mese di novembre, la Commissione di Verità Nazionale ha ordinato che venissero riesumati tutti i resti dei corpi disponibili per far chiarezza.
Ci è voluto un quarto di secolo prima che i brasiliani fossero disposti a dare un’occhiata da vicino al proprio periodo dittatura militare. Ci sono ragioni pragmatiche per questo, ha affermato Maurizio Politi, direttore del Nucleo di Memoria, un’associazione di ex prigionieri politici e vittime di persecuzioni, che sta ora indagando sugli anni bui del Brasile. Politi parla per esperienza: è stato arrestato in qualità di avversario politico nel 1970, e ha trascorso quattro anni in prigione prima di essere espulso. Ha poi trascorso cinque anni in esilio in Israele.images (1)
A differenza di altri paesi, lo stesso esercito brasiliano concluse il suo periodo di dittatura e inaugurò la democrazia. L’ elite del paese mise in atto una amnistia che avrebbe dovuto applicarsi a tutti: alle vittime della dittatura, come pure a coloro che erano responsabili dei crimini. “I militari volevano pacificare il paese, ma allo stesso tempo volevano conservare il suo antico potere. Ecco perché ne abbiamo sentito parlare molto poco di questo periodo.
Lo storico Americo Freire, dalla Fondazione Getulio Vargas, ha affermato che l’anniversario ha giocato solo un ruolo limitato nella sensibilizzazione del pubblico. “La rilevanza politica del tema è chiara, ma si è discusso solo tra coloro che partecipano ai dibattiti pubblici.”
Lo storico Marco Antonio Villa, dell’Università di Sao Carlos, ha affermato che questo dibattito deve essere esteso, perché la dittatura militare non è stato l’unico periodo di oppressione politica nella storia brasiliana. “Non è un caso che il Brasile sia stato l’ultimo paese ad abolire la schiavitù, nel 1888. Questa tradizione di oppressione è stata conservata. Già alla fine del 19esimo e 20esimo secolo, decine di anarchici furono arrestati, torturati ed espulsi dal paese. Questa è una tradizione brasiliana, che è ugualmente rilevante per la sinistra politica e il diritto politico.”
Molte persone, soprattutto i parenti dei desaparecidos, stanno soffrendo a causa del modo in cui il Brasile sta guardando l’epoca dittatoriale militare. Alcune famiglie stanno cercando ancora di scoprire l’ultimo posto in cui i loro parenti sono stati visti. Non troveranno riposo fino a quando non riceveranno una risposta da parte delle autorità
.”
Alcuni attivisti dicono che la dittatura stia avendo un effetto sulla attuale cultura politica. Alexandre Mourao del gruppo Aparecidos Politicos, che affronta il discorso della dittatura attraverso l’arte, punta ad arrivare al discorso della Polizia Militare di San Paolo. Questa contiene 18 stelle, ciascuna delle quali è un promemoria di una data importante nella storia dell’unità. L’ultima stella si riferisce al 1964, l’anno in cui i militari hanno preso il potere.
imagesAnche alcune leggi da quel momento sono state mantenute. Ad esempio, le leggi di sicurezza nazionale che sono state utilizzate in estate per arrestare i partecipanti delle numerose proteste sociali.
La cultura politica del Brasile è stata plasmata da un regime militare. Poiché non vi è stato alcun ricorso legale contro il periodo, vi è stata una consapevolezza insufficiente e l’ingiustizia è stata perpetrata.
Questo è anche il motivo per cui ci sono ancora casi in Brasile di persone scomparse. Le ragioni non possono più essere esclusivamente politiche. Delle sparizioni vengono imputate le favelas o i trafficanti di droga. “Non c’è sufficiente consapevolezza della natura ingiusta del regime. E questo è il motivo per cui è necessario venire a patti con la dittatura.” Queste le parole di Mourao. Questo è anche il motivo per cui la Commissione Nazionale di Verità è così importante: “Aiuta ad eliminare ciò che resta di quel tempo.

Anthea Favoriti

Permanent link to this article: http://www.pandorando.it/brasile-desaparecidos-giustizia/

Lascia un commento

Your email address will not be published.